MINI CORSO DI FOTOGRAFIA FAMILIARE – INQUADRATURA

Oggi vorrei insegnarvi alcuni trucchetti che vi consentiranno di inquadrare bene le vostre fotografie.

Ci sono alcune regole che riguardano le inquadrature che è bene conoscere, eccovi le più importanti:

La regola dei terzi consiste nel evitare di mettere il soggetto centrato. E’ particolarmente valida se oltre al vostro bambino inquadrate anche l’ambiente che lo circonda.

Per esempio se sta giocando con la sabbia al mare e volete fargli la foto non mettete il bimbo al centro ma un po’ più in basso o alto e più a sinistra o destra. L’immagine ne guadagnerà.

Se volete fargli un primo piano mentra mangia o gioca mettete i suoi occhi (soggetto principale in un ritratto un po’ verso uno dei angoli della foto.

Lo potete vedere in questa fotografia, gli occhi se state facendo un primo piano un primo piano e il bimbo stesso se volete inquadrarlo tutto, deve trovarsi lì dove si incrociano le linee che tagliano in tre parti uguali l’immagine. E’ davvero semplice ricordarlo.

Le linee orizzontali vi ricorderanno anche di non mettere al centro l’orizzonte, mettetelo più o meno dove passano loro, o un po’ basso o parecchio alto!

Se il vostro soggetto invece è solo il bambino potete metterlo centrato mantenendo il taglio verticale (la sua figura lo è, a meno che non sia sdraiato), e tagliate l’ambiente circostante il più possibile.

Guardate i bordi della fotografia, bisogna sempre decidere cosa si vuole vedere in foto. Se volete tutta la persona non tagliatele i piedi perchè ne sono parte integrale:)Diciamo che in linea di massima i tagli buoni sono tre, figura intera (piedi e testa compresi:)), 3/4 che comprende tutta la testa:)e fianchi, e primo piano dove si taglia poco sotto le spalle. Ci sono moltissime varianti, però per le foto di tutti i giorni va bene ricordarsi questi tre.

Una inquadratura molto semplice per i bambini che stanno seduti è quella in cui la testa e i piedi si trovano in due angoli opposti, lungo una linea diagonale immaginaria. Riempie bene il fotogramma e abbiamo possibilità di vedere bene sia il visino che i piedini. Se il vostro bimbo è ancora troppo piccolo potete metterlo dentro la sdraietta o in braccio a qualcuno e verrà benissimo lo stesso. Provare per credere.:)

Se invece lo state fotografando mentre sta sdraiato è davvero cruciale che la testolina sia perfettamente orizzontale oppure che punti verso l’alto. Se sarà inclinata in basso rispetto al corpo vi verrà una foto in cui sembra che il bimbo stia cadendo… Per farvi capire meglio:


Abbassatevi al loro livello. Oppure tirate su loro. Questo errore è davvero molto comune e fa si che quasi tutte le foto dei bimbi che hanno appena iniziato a camminare mostrano, invece del loro viso concentrato sulla nuova conquista, la loro più o meno folta capigliatura. Giù, giù, giù! Se serve sdraiatevi o mettete loro seduti su un letto o sul tavolo. I bimbi presi da qualche giochino o intenti a non inciampare spesso tengono il viso basso, per poterlo immortalare dovete essere bassi come loro, o anche di più!


Allontanatevi dai luoghi troppo affollati. Non è poi difficile come sembra, e avere una foto del vostro figlio intento a giocare con la sabbia dorata con il contorno della coscia cellulitica della vicina dell’ombrellone non è il massimo:).

Prendete il cellulare, la macchinetta fotografica o quello che intendete usare per fargli la foto e portatelo due metri più in là. Se siete al parco giochi basta uscire un pochino con la scusa di cercare un fiorellino o vedere una farfalla (ma a bassa voce altrimenti vi segue tutta la banda degli amichetti/e) e lo sfondo, magicamente, si libera.

Se proprio non potete allontanarvi e non riuscite a resistere al suo bel visino potete cercare di spostare le cose più orribili che si vedrebbero nell’inquadratura (un panino aperto e la bottiglietta di plastica) oppure stringete moltissimo l’inquadratura tagliando fuori tutto ciò che non è guardabile.

Qui siamo alla ricerca di un aereo (che giuro avevo visto arrivare  😉 ) accanto ad un affollatissimo parco giochi

Detto questo, ovviamente sappiamo tutti che le regole si possono sempre infrangere, ma è meglio farlo solo DOPO che le avete fatte perfettamente vostre:)

In questo articolo ho cercato di inserire più possibili foto fatte con il mio cellulare (pessimo:)). Non saranno dei capolavori ma sono gradevoli. Potete farcela anche voi!

Per oggi è tutto e nel prossimo “mini-articolino”  vi dirò tutti i trucchetti pratici che vi insegneranno come essere più furbi dei vostri figli e riuscire a fare a loro delle belle fotografie anche se la loro collaborazione si riduce ad una orribile smorfia (seguita dalla linguaccia e parole “adesso basta foto”) appena gli puntate addosso un obiettivo!

La tua e-mail non compare mai pubblicamente. *

*

*

*

L~ F~: